01 Giugno, 2022

Seta: una scelta naturale per l’abbigliamento da ciclismo.

A cura di De Marchi

All’inizio c’era il caos. Dopo l’invenzione della prima bicicletta a propulsione meccanica, nel 1839, la prima gara ciclistica sembra avvenne a Parigi, nel 1886. Il ciclismo divenne poi sport olimpico fin dalla prima edizione moderna della competizione decubertiniana, nel 1896. Essendo uno sport individuale agli esordi, l’abbigliamento era perlopiù casuale. Ciascuno indossava ciò che aveva, di cotone o lana, non essendo ancora state inventate le fibre sintetiche.

primi ciclisti a fine ottocento

Fino al 1903, anno in cui Maurice Garin vinse il primo Tour de France della storia, l’abbigliamento da ciclismo vero e proprio non esisteva ancora. Egli infatti indossava un maglione, presumibilmente di lana e dei pantaloni eleganti, con sopra i calzini per evitare che si incastrassero nella catena. La prima maglia per ciclismo di cui si abbia notizia apparve in Francia pochi anni dopo.

Maurice Garin, vincitore del primo Tour de France nel 1903

Due combattono, uno vive. La lana divenne presto lo standard nell’abbigliamento da ciclismo perché, diversamente dal cotone, assorbiva meno acqua ed asciugava più velocemente. Le fibre sintetiche invece non faranno la loro comparsa nel ciclismo prima di metà anni settanta, nonostante furono inventate nei primi anni trenta, mantenendo quindi il primato della lana per circa settant’anni.

Nei primi anni cinquanta però un’altra fibra naturale, la seta, fece la sua fugace apparizione nell’abbigliamento per ciclismo. Diversamente da quel che si pensa però non sostituì mai la lana. Infatti, nonostante la sua iniziale popolarità, finì per essere usata quasi esclusivamente per le gare su pista. La seta infatti non traspirava neppure lontanamente come la lana ed a quei tempi era considerata troppo leggera per la più parte delle gare in primavera. Con l’avvento delle fibre sintetiche poi, sia la lana che la seta vennero completamente soppiantate dal poliestere.

bachi da seta naturali

De Marchi però, mantenendo fede alla propria vocazione innovativa, ha lavorato per anni allo scopo di unire le migliori caratteristiche della seta, compensando i suoi pochi difetti con l’innesto di fibre di poliestere riciclato, in modo da aumentarne la traspirabilità. Il risultato è un materiale di sintesi superleggero ma tenace allo stesso tempo. Nella primavera del 2020 infatti, grazie ai nostri partner tecnologici a Como, luogo di elezione per la produzione della seta a livello mondiale, abbiamo creato ProSilk, che dona volume mantenendo un peso contenutissimo.

ProSilk rappresenta la punta di diamante dell’offerta ad alte prestazioni De Marchi con la maglia e l’intimo Superleggera ed il pantalone Superleggero con bretelle.

il nuovo intimo Superleggera 2023 con ProSilk

Leggi Anche

13 Giugno, 2022

What the tech: la Magliavento è nata qui.

Correva l’anno 1990 quando W.L. Gore approcciò De Marchi per capire come poter stampare su Gore-Tex. All’epoca il presidente di Gore Italia era Riccardo Palese, un ex ciclista che aveva…

Leggi ora
18 Maggio, 2022

Giordano Cottur: eroe per un giorno

Settantasei anni fa il primo Giro d’Italia del dopoguerra fu un’edizione movimentata, soprattutto per quanto riguarda la tappa numero dodici, quella da Rovigo a Trieste. Preannunciata come poco più che…

Leggi ora
13 Maggio, 2022

Kubler e Koblet: una ventata di stile al Giro del 1954.

Tra coloro che contribuirono in modo determinante all’affermazione dello stile nel ciclismo degli anni d’oro, a parte l’immortale Coppi o Fiorenzo Magni (specialmente per i suoi modi signorili), vi furono…

Leggi ora
05 Maggio, 2022

Il vero Balmanion

Esattamente cinquant’anni fa “l’aquila del Canavese” vinceva il suo primo di due giri d’Italia consecutivi in maglia De Marchi. Ecco la verità sul suo nome. Nato a Nole Canavese, borgo…

Leggi ora