01 Giugno, 2022

Seta: una scelta naturale per l’abbigliamento da ciclismo.

A cura di De Marchi

All’inizio c’era il caos. Dopo l’invenzione della prima bicicletta a propulsione meccanica, nel 1839, la prima gara ciclistica sembra avvenne a Parigi, nel 1886. Il ciclismo divenne poi sport olimpico fin dalla prima edizione moderna della competizione decubertiniana, nel 1896. Essendo uno sport individuale agli esordi, l’abbigliamento era perlopiù casuale. Ciascuno indossava ciò che aveva, di cotone o lana, non essendo ancora state inventate le fibre sintetiche.

primi ciclisti a fine ottocento

Fino al 1903, anno in cui Maurice Garin vinse il primo Tour de France della storia, l’abbigliamento da ciclismo vero e proprio non esisteva ancora. Egli infatti indossava un maglione, presumibilmente di lana e dei pantaloni eleganti, con sopra i calzini per evitare che si incastrassero nella catena. La prima maglia per ciclismo di cui si abbia notizia apparve in Francia pochi anni dopo.

Maurice Garin, vincitore del primo Tour de France nel 1903

Due combattono, uno vive. La lana divenne presto lo standard nell’abbigliamento da ciclismo perché, diversamente dal cotone, assorbiva meno acqua ed asciugava più velocemente. Le fibre sintetiche invece non faranno la loro comparsa nel ciclismo prima di metà anni settanta, nonostante furono inventate nei primi anni trenta, mantenendo quindi il primato della lana per circa settant’anni.

Nei primi anni cinquanta però un’altra fibra naturale, la seta, fece la sua fugace apparizione nell’abbigliamento per ciclismo. Diversamente da quel che si pensa però non sostituì mai la lana. Infatti, nonostante la sua iniziale popolarità, finì per essere usata quasi esclusivamente per le gare su pista. La seta infatti non traspirava neppure lontanamente come la lana ed a quei tempi era considerata troppo leggera per la più parte delle gare in primavera. Con l’avvento delle fibre sintetiche poi, sia la lana che la seta vennero completamente soppiantate dal poliestere.

bachi da seta naturali

De Marchi però, mantenendo fede alla propria vocazione innovativa, ha lavorato per anni allo scopo di unire le migliori caratteristiche della seta, compensando i suoi pochi difetti con l’innesto di fibre di poliestere riciclato, in modo da aumentarne la traspirabilità. Il risultato è un materiale di sintesi superleggero ma tenace allo stesso tempo. Nella primavera del 2020 infatti, grazie ai nostri partner tecnologici a Como, luogo di elezione per la produzione della seta a livello mondiale, abbiamo creato ProSilk, che dona volume mantenendo un peso contenutissimo.

ProSilk rappresenta la punta di diamante dell’offerta ad alte prestazioni De Marchi con la maglia e l’intimo Superleggera ed il pantalone Superleggero con bretelle.

il nuovo intimo Superleggera 2023 con ProSilk

Leggi Anche

31 Maggio, 2024

La tua prima Ciclostorica? Ecco alcuni consigli!

Uno degli aspetti piu affascinanti? La possibilità di immergersi completamente in un altra Epoca del Ciclismo. Curare ogni singolo dettaglio è fondamentale. Alla tua prima Ciclostorica non sara solo una questione di stile. Ecco alcuni consigli dettagliati su come scegliere abbigliamento da ciclismo vintage.

Leggi ora
03 Maggio, 2024

Le Maglie De Marchi al Giro D Italia

Il Giro d Italia non è solo una delle corse ciclistiche più prestigiose del mondo. Una vetrina d innovazione nel settore del ciclismo, una passerella di stile ormai secolare, dove le maglie rappresentano un vero e proprio racconto di passione, di sfida e di trionfo. Riviviamo insieme alcuni aneddoti di epoche indimenticabili, per il nostro marchio e per il ciclismo.

Leggi ora
29 Marzo, 2024

De Marchi X La Ronda, Il Fiandre Trevigiano

Il 14 Aprile 2024, a Conegliano, vieni a goderti Il Fiandre Trevigiano, l'Evento ciclistico sui luoghi di nascita di Ottavio Bottecchia, proprio in occasione del Centenario della sua vittoria al…

Leggi ora
15 Marzo, 2024

Milano-Sanremo 1951: Louison Bobet e la maglia Bottecchia Ursus

Ci sono giornate scolpite nella storia del ciclismo, delle vere e proprie pietre miliari. Una di questa è rappresentata dalla 43esima edizione della Milano-Sanremo. Per chi non lo sapesse, La Milano-Sanremo è una delle Classiche Monumento più prestigiose del ciclismo, conosciuta per il suo percorso mozzafiato che abbraccia la bellezza paesaggistica delle regioni italiane di Nord-Ovest. Il 19 Marzo 1951 è una giornata di nebbia e freddo: non sono ancora la 7 di mattina, ma nelle strade di Piazza della Repubblica c’è già grande afflusso di folla. Saranno 282 chilometri di pura passione, per una corsa che avrebbe visto sfidarsi alcuni dei più grandi ciclisti del mondo: in corsa spiccano nomi di spessore, tra cui Hugo Koblet, Fiorenzo Magni, Gino Bartali e Pierre Barbotin.

Leggi ora