13 Giugno, 2022

What the tech: la Magliavento è nata qui.

A cura di De Marchi

Correva l’anno 1990 quando W.L. Gore approcciò De Marchi per capire come poter stampare su Gore-Tex.

All’epoca il presidente di Gore Italia era Riccardo Palese, un ex ciclista che aveva corso con abbigliamento De Marchi in passato.

Brevettato nel 1976 da Wilbert L. Gore, un chimico delle DuPont, il Gore-Tex fu usato per la prima volta in un capo da ciclismo nel 1985. Si trattava del giubbino “Giro”.

Primi giubbini da ciclismo in Gore-Tex

Inizialmente realizzato solo di colore arancione, il tessuto del “Giro” univa la famosa membrana in PTFE impermeabile ad uno strato esterno setoso ed un rivestimento morbido a contatto con la pelle in un materiale laminato a tre strati, appunto.

L’estetica però lasciava a desiderare e con un prezzo di 200 marchi sul mercato tedesco di allora, andava migliorata.

Fu così che De Marchi suggerì di cambiare il rivestimento esterno del tessuto in poliestere, in modo da poter essere stampato in sublimazione per avere più possibilità di personalizzazione.

Ma il giubbino era comunque più rigido dei normali capi di abbigliamento per ciclismo che erano realizzati perlopiù in Lycra già allora. Fu così che De Marchi suggerì di realizzare un capo con la parte anteriore in Gore-Tex e quella posteriore e le maniche in materiali elasticizzati.

Questo però era contrario agli standard di Gore per cui i capi dovevano essere realizzati interamente in Gore-Tex in modo da garantirne l’impermeabilità.

Fu così che da un’esigenza pratica nacque un nuovo prodotto: il tessuto Windstopper fu infatti presentato di li a poco, nel 1992.

Si trattava sostanzialmente dello stesso materiale che però adesso poteva essere usato anche parzialmente all’interno di un capo e quindi poteva essere dichiarato solamente impermeabile al vento, ma era comunque una innovazione notevole, che permetteva inoltre una elevata traspirabilità.

E fu così che l’idea di una maglia per ciclismo antivento iniziò a prendere forma nelle rispettive idee sia di Gore che di De Marchi.

La “Magliavento” nacque in quel momento e fu presentata ai mondiali di Mountain Biking UCI a Bromont, Canada, nel settembre dello stesso anno, dove vinse il titolo mondiale con Henrik Djernis. Il primo modello fu commercializzato da De Marchi l’anno successivo.

Henrik Djernis, trionfatore ai mondiali MTB 1992

Da allora la Magliavento è rimasta sempre in produzione alla De Marchi dove è stata perfezionata anche grazie all’avvento delle membrane elasticizzate, che hanno consentito nuovamente di realizzare un capo interamente antivento.

la Magliavento fa la sua comparsa sul catalogo De Marchi primavera-estate 1993

La nuova generazione di Magliavento, Cortina, è ora disponibile esclusivamente su demarchi.com.

Leggi Anche

03 Maggio, 2024

Le Maglie De Marchi al Giro D Italia

Il Giro d Italia non è solo una delle corse ciclistiche più prestigiose del mondo. Una vetrina d innovazione nel settore del ciclismo, una passerella di stile ormai secolare, dove le maglie rappresentano un vero e proprio racconto di passione, di sfida e di trionfo. Riviviamo insieme alcuni aneddoti di epoche indimenticabili, per il nostro marchio e per il ciclismo.

Leggi ora
29 Marzo, 2024

De Marchi X La Ronda, Il Fiandre Trevigiano

Il 14 Aprile 2024, a Conegliano, vieni a goderti Il Fiandre Trevigiano, l'Evento ciclistico sui luoghi di nascita di Ottavio Bottecchia, proprio in occasione del Centenario della sua vittoria al…

Leggi ora
15 Marzo, 2024

Milano-Sanremo 1951: Louison Bobet e la maglia Bottecchia Ursus

Ci sono giornate scolpite nella storia del ciclismo, delle vere e proprie pietre miliari. Una di questa è rappresentata dalla 43esima edizione della Milano-Sanremo. Per chi non lo sapesse, La Milano-Sanremo è una delle Classiche Monumento più prestigiose del ciclismo, conosciuta per il suo percorso mozzafiato che abbraccia la bellezza paesaggistica delle regioni italiane di Nord-Ovest. Il 19 Marzo 1951 è una giornata di nebbia e freddo: non sono ancora la 7 di mattina, ma nelle strade di Piazza della Repubblica c’è già grande afflusso di folla. Saranno 282 chilometri di pura passione, per una corsa che avrebbe visto sfidarsi alcuni dei più grandi ciclisti del mondo: in corsa spiccano nomi di spessore, tra cui Hugo Koblet, Fiorenzo Magni, Gino Bartali e Pierre Barbotin.

Leggi ora
27 Ottobre, 2023

Nuovi Guanti Invernali Revo

Ridefinisci il concetto di comfort per le tue mani con i guanti ciclismo Revo Winter. Realizzati in collaborazione con Elastic Interface, leader nelle soluzioni ergonomiche per il ciclismo, questi guanti invernali rappresentano l apice dell innovazione e dell eccellenza nel design, e garantiscono ai ciclisti un comfort impareggiabile, prestazioni superiori e un look elegante

Leggi ora